Giovanni Scognamiglio, Responsabile Legale e Direttore Operativo di Sicurezza e Ambiente, commenta la recente acquisizione dell’azienda romana da parte di Vam Investments e Adon Capital

“È lusinghiero l’interesse di investitori internazionali che hanno guardato alla nostra azienda con attenzione e hanno valutato benevolmente sia il business sia le modalità con le quali l’azienda ha inteso ideare, realizzare e portare avanti negli anni il servizio di ripristino post-incidente stradale”. Queste le parole di Giovanni Scognamiglio; da tempo guida dell’azienda romana come Direttore Operativo.

Ogni anno in Italia ci sono circa 2.200.000 incidenti stradali; e il mercato della sicurezza è in crescita di oltre il 10% annuo. Fra i protagonisti del settore in Italia vi è la società Sicurezza e Ambiente; impegnata nel settore del ripristino della sicurezza stradale e delle condizioni ambientali dopo gli incidenti d’auto. Nel 2019 la SeA ha registrato un fatturato di circa 18 milioni di euro e realizzato circa 34mila interventi stradali; su un portafoglio di oltre 2.000 concessioni in tutta Italia.

Infatti, tra le maggiori città servite ci sono Milano, Torino, Napoli, Bari e Catania. Invece, a Roma è situato il quartier generale di SeA. “Su Roma siamo presenti oramai da anni e abbiamo deciso di investire sia sulle risorse presenti nell’headquarter; ma soprattutto nell’ambito della rete operativa e relazionale presente su tutto il territorio nazionale. Roma risulta particolarmente congeniale alla luce della baricentricità del tessuto nazionale; consentendoci così di avere una regia comune delle dinamiche territoriale e il controllo dell’operatività in termini qualitativi del servizio”. In tal modo prosegue la sua riflessione Giovanni Scognamiglio.

L’acquisizione di Vam Investments e Adon Capital

A fine 2020, SeA è stata acquisita dalla holding di investimenti Vam Investments e Adon Capital. I nuovi soci affiancheranno Sicurezza e Ambiente in questo settore a grande potenzialità di sviluppo. Insomma, una partnership dalle enormi potenzialità, che gioverà sicuramente ai cittadini in termini di sostenibilità ambientale e di sicurezza stradale.

“Pensiamo che l’azienda possa crescere in varie direzioni. Non solo allargando il campo di attività geograficamente; oppure andando a fare questo servizio in altri comuni e regioni. Ma anche internazionalmente, allargandosi in maniera geografica e portando sul tavolo anche possibile incremento di servizio; creando nuovi servizi essendo creativi nel crescere il business generale”. Questo il commento di Carlo Di Biagio, nominato presidente del consiglio di amministrazione della società.

 

Foto di Free-Photos liberamente tratta da Pixabay